Seleziona una pagina

il sogno di un pastificio sardo di costruire una filiera etica

contenitore con gnochetti sardi-malloreddus in produzione del pastificio artigiano Tanda e Spada. La pasta in Sardegna da filiera etica

 

 

Gli gnochetti sardi-malloreddus- di Tanda e Spada.

Oggi vi raccontiamo la storia di uno storico pastificio sardo di famiglia che ha realizzato, ed ancora lavora per costruire una filiera etica di produzione della pasta.

Questa è la storia di due famiglie che sedutesi testa a testa al tavolo, un giorno, decisero di scegliere la passione al posto del loro lavoro.

Le donne espressero la loro passione per i dolci di mandorle ed aprirono una pasticceria.
Gli uomini espressero la loro passione per la pasta fresca ed aprirono un laboratorio.

La famiglia unita in unico edificio in paese.

E così da 28 anni gli uomini di famiglia portano avanti con passione questa scelta fatta in un giorno in cui si ascoltò l’intuizione mista a un po’ di follia, al posto della pragmaticità.

Questa scelta oggi è diventata una realtà internazionale ed importante che ha diffuso la cultura della pasta tipica sarda.
Uno degli intenti di famiglia era quello di diffondere la cultura della pasta sarda fuori dalla Sardegna, in maniera che tutto il territorio isolano ne potesse beneficiare.

I loro malloreddus, per esempio, conservano le caratteristiche e l’aroma del grano sardo: una volta cotti e conditi, è come dire…mangiare un boccone di Sardegna.

Dopo aver diffuso la cultura sarda attraverso la pasta, la famiglia decise che era arrivato il momento di selezionare i grani biologici. Ma purtroppo in Sardegna era molto complicato trovarli.

Allora decisero di impegnarsi perché questi grani biologici antichi sardi potessero essere di nuovo coltivati. E così nacque il progetto Sardo Sole (con 250 agricoltori) insieme a degli amici che condividevano questo pensiero.

Nel frattempo si impegnano anche in iniziative di beneficenza, sociali e formazione didattica con le scuole del territorio.

Ed ora è arrivato anche il momento di appropriarsi di tutta la filiera, acquistando anche un mulino. Ma, come da politica aziendale, non solo per sé ma per tutti quelli che ne vogliano beneficiare.

La famiglia si assicura che ogni passaggio non risenta in maniera negativa di un prezzo sbagliato della pasta proposto al mercato. Tutto viene pagato il giusto ed equo prezzo per tutti.

La loro produzione non ha eccedenze di magazzino, si produce solo quello che viene richiesto.

Quale beneficio?

La pasta non viene mai esposta a forti sconti e non si deprezza, così, il suo valore. Si evita, quindi, il grande problema dello spreco alimentare.

Anche se la pasta ormai ha ampliato la sua diffusione anche a qualche realtà della grande distribuzione (Conad), non si sono mai traditi i valori e i principi che i fondatori avevano posto alla nascita del piccolo pastificio.

Per questo motivo e per tutti i motivi sopra raccontati QuiEtica, è orgogliosa di avere fra i suoi soci questo pastificio artigiano. Soprattutto per la diffusione della cultura sarda attraverso la pasta e la lotta allo spreco. E perché sta lavorando da anni per costruire una filiera di pasta etica in Sardegna.

Siete curiosi di sapere chi è l’azienda virtuosa socia di QuiEtica?

Complimenti Pastificio Tanda&Spada di Thiesi per aver essere diventati nostri soci.

QuiEtica si augura che molte aziende sarde seguano il vostro esempio.

Noi continuiamo a seguire la storia della famiglia Tanda e Spada perché ci hanno raccontato che in futuro avranno altre sorprese da raccontarci.

Le donne di famiglia tutt’oggi continuano a produrre i dolci nella pasticceria di paese con successo.

P.S. Nel 2012 nasce l’accordo tra Tanda & Spada, Cooperativa sarda Madonna d’Itria e Sinis Agricola creando la prima rete d’impresa cerealicola sarda denominata Filiera del Grano Duro coltivato e trasformato in Sardegna.


Nel 2013 viene presentato il marchio della Filiera, il quale è stato battezzato con il nome Sardo Sole Filiera del grano duro coltivato e trasformato in Sardegna